Valkyrja.

Traduzioni di Mattia per Týr Italia. Non usare senza il nostro consenso, grazie!

 

BLOOD OF HEROES – IL SANGUE DEGLI EROI

Il luogo più bello su questa terra
Il nostro diritto di nascita e quello dei nostri discendenti
Tutto ciò che abbiamo sul suolo nativo
Appartiene alle lacrime e al sudore di antenati affaticati.

Le leggende dovrebbero ricordare la loro

Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano hanno combattuto
Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano sono caduti
Liberaci – Destino
Perché questa notta ceneremo all’inferno.

Lui cadde da solo
E il suo nome fu inciso su una pietra
Il fuoco lo salutò per l’ultima volta
Non mi dispiacerebbe avere anche il mio nome lassù.

Le leggende dovrebbero ricordare la mia

Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano hanno combattuto
Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano sono caduti
Liberaci – Destino
Perché questa notta ceneremo all’inferno.

Le leggende dovrebbero ricordare la loro

Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano hanno combattuto
Volontà di ferro – Abilità di guerriero
E quanto lontano sono caduti
Liberaci – Destino
Perché questa notta ceneremo all’inferno.

MARE OF MY NIGHT – LA CAVALLA DELLA MIA NOTTE
[Gioco di parole con “Nightmare”, ovvero “Incubo”]

Il freddo della notte cade sull’aria di una notte fugace
Mentre giaccio accanto al dolce odore dei suoi capelli
La notte diventa d’acciaio e presto io navigo i mari del sonno
Dove antiche ombre strisciano nel profondo oscuro

La mia dea si eclissa e un incubo diventa realtà

La cavalla della mia notte
Dolorosamente giace su di me
Nella mia ora più oscura, lei è lì
Un rito religioso
Piena di libido, lei scende su di me
Nei suoi occhi vedo il bagliore del fuoco
La cavalla della mia notte

Il terrore mi prende ora che lei mi cavalca come un cavallo
Io scivolo in una disperazione sempre più intrisa di sudore
Prego che non voglia suonare il passaggio doloroso col mio flauto
Mi succhia fino ad inaridirmi e mi lascia nudo senza nome.

La mia dea si eclissa e un incubo diventa realtà

La mia dea si eclissa e un incubo diventa realtà

La cavalla della mia notte
Dolorosamente giace su di me
Nella mia ora più oscura, lei è lì
Un rito religioso
Piena di libido, lei scende su di me
Nei suoi occhi vedo il bagliore del fuoco
La cavalla della mia notte

La mia dea si eclissa e un incubo diventa realtà

La cavalla della mia notte
Dolorosamente giace su di me
Nella mia ora più oscura, lei è lì
Un rito religioso
Piena di libido, lei scende su di me
Nei suoi occhi vedo il bagliore del fuoco
La cavalla della mia notte

HEL HATH NO FURY – HEL NON HA RABBIA

(probabile riferimento a William Congreve, poeta inglese del 1500, da cui:

Hell hath no fury like a woman scorned, L’inferno non ha furia pari a quella di una donna offesa)

Alcune cose non possiamo medicarle
E i bei tempi arrivano sempre alla fine
Qui all’alba di un nuovo giorno, un doloroso sentiero
Si rivela davanti ai miei occhi

Quindi, uomini mortali, se volete rimanere
Fatemi volare via, selettore dei caduti
Sopra i campi innaffiati dal sangue
Di furiose battaglie, il più nobile vola alto

Ho tirato la sua freccia dal mio cuore
Abbiamo passeggiato già per mondi separati
E ho visto che i cieli non provano rabbia
Come l’amore si è trasformato in odio
Gli dei mi hanno garantito un giorno più luminoso
C’e n’è di più da dove è venuto, comunque
La vita non mantiene le promesse né la rabbia di Hel
Come una donna disprezzata

La fede era la stella che cadde
Può presagire il nostro ultimo addio
Altre brillano ancora dalla loro altezza
E la luce della speranza cade all’alba su rive distanti

I nostri giorni sono tutto, tranne che un fantasma insistente
Ma io sono già lontano
Poiché ho camminato da solo nell’ombra
Da quando la mia dea mi ha abbandonato

Ho tirato la sua freccia dal mio cuore
Abbiamo passeggiato già per mondi separati
E ho visto che i cieli non provano rabbia
Come l’amore si è trasformato in odio
Gli dei mi hanno garantito un giorno più luminoso
C’e n’è di più da dove è venuto, comunque
La vita non mantiene le promesse né la rabbia di Hel
Come una donna disprezzata

THE LAY OF OUR LOVE – IL CANTO DEL NOSTRO AMORE

Una mattina
Mentre le foglie cadevano
Trovai la mia vita fuggire
Non trovai aiuto, ma chiamai
E lui deve aver udito il mio pianto
Voltandosi verso di me con lacrime nei suoi occhi

Un autunno
L’addio diventò un sollievo
Lei corse dietro di me
Miseramente nascose il proprio dolore
Vennero dei venti gelidi che mi fecero rabbrividire il cuore
Venne la pioggia, cadendo su di me mentre partii.

La vita ci lasciò
L’eclissi di ieri
Su ogni domani
Con una fodera argentata
Ricorda, un giorno distante
Infatti, anche i ricordi possono svanire

Vieni, sdraiati
Al mio fianco e cantami
Un’ode al caduto
Fai che mi entri dentro
Ci pensi mai
Mentre il vento freddo piange il canto del nostro amore?

NATION – NAZIONE
[Dedicato al Popolo d’Islanda e al ricordo di Ingólfur Júlíusson]

Tutto ciò che avevo
In cui ho mi sono dilettato
Fuori dalla vista
Di tutto ciò che ho sognato
Tutto ciò che volevo
Ora è perso da qualche parte nel tempo
Nascolto in una poesia pagana

Sogni che sostengono una nazione

[Traduzione dall’islandese]
Tutto ciò che la nazione aveva e di cui ha goduto
Tutto ciò che sogna
Tutto ciò che voleva e non ha mai avuto
È mantenuto nel folklore

ANOTHER FALLEN BROTHER – UN ALTRO FRATELLO CADUTO

Viandanti affaticati
Marciano avanti e avanti
Ciò che credevo di essere
Ora sembra andato così lontano

Nonostante sia giusto o sbagliato

 

Pagani scempiati piangono
Nessuna tregua per gli altri
Valhalla, ecco arrivare
Un altro fratello caduto

Questo giorno sarà la mia fama
Andrò giù con la morte
E il mio debito attraversa il campo
Qui è dove appartengo
Perché il mio Fato è stato da tempo sigillato

Nel bel mezzo di ciò
Arriva il tempo di morire
Loro sono venuti per noi
Guarda come volano alte

Guardatemi, selettrici di caduti

Pagani scempiati piangono
Nessuna tregua per gli altri
Valhalla, ecco arrivare
Un altro fratello caduto

Questo giorno sarà la mia fama
Andrò giù con la morte
E il mio debito attraversa il campo
Qui è dove appartengo
Perché il mio Fato è stato da tempo sigillato

GRINDAVÍSAN – LA BALLATA DELLA CACCIA ALLA BALENA
http://it.wikipedia.org/wiki/Grindadr%C3%A1p

[Dedicata a Paul Watson]

Giovani operosi pronti ad uccidere balene
Questo è quello che ci piace

Di buon carattere è colui che è forte
Non conosce la sua forza
Altrimenti per il suo lavoro audace
Il cacciatore sarà presto punto

Giovani operosi pronti ad uccidere balene
Questo è quello che ci piace

Qui sulle rive di sabbia bianca
Ognuno si avvicina fraternamente
E racchiudono l’acqua
Che ancora quelle alte montagne difendono

Giovani operosi pronti ad uccidere balene
Questo è quello che ci piace

INTO THE SKY – VERSO IL CIELO

Tutto il mio dolore è andato
L’ho chiamata
Mentre giacevo fra gli uccisi
Sono un non-rigettato

Vieni, mia Valchiria, portami verso il cielo
Su, dove gli eroi del Nord vanno quando muoiono
Per sempre sarà la nostra vittoria
Vieni, mia Valchiria, in alto!

E anche se sono caduto
Lei mi ha rialzato
Ha fatto in modo che i miei nemici dimorino in Hel
Sono risorto

Vieni, mia Valchiria, portami verso il cielo
Su, dove gli eroi del Nord vanno quando muoiono
Per sempre sarà la nostra vittoria
Vieni, mia Valchiria, in alto!

Con la spada in mano
Su terra pagana

Vieni, mia Valchiria, portami verso il cielo
Su, dove gli eroi del Nord vanno quando muoiono
Per sempre sarà la nostra vittoria
Vieni, mia Valchiria, in alto!

FÁNAR BURTUR BRANDALJÓÐ – SFUMA IL SUONO DELLE SPADE

Sfuma il suono delle spade
Il mio giro di vittoria è terminato
Sono qui a riscuotere la donna volante
Non c’è nessuno come lei in questo mondo

Ho viaggiato a lungo in molte terre
Oltre l’oceano e le alte montagne
Sono qui a riscuotere la donna straordinaria
Da sola lei ha calpestato il mio campo di morte

Lontano da questo suolo
Oltre gli oceanie le alte e fredde montagne
La donna più bella mi fa volare
Gli anni finiscono oltre l’alta folla di stelle

Away from this ground
Over oceans and high mountains cold
Flies me the fairest woman
Ages end beyond high star crowd

LADY OF THE SLAIN – LA SIGNORA DEI CADUTI

Scommessa lasciva
Su una strada strappata dalla guerra
Prendete il mio tesoro
Per un altro giorno

Felini incatenati ad una battaglia suina
Un banchetto come se non ci fosse più futuro, senza mostrare alcun ritegno
Idromele e distruzione, la dorata bevanda divina
Lasciami entrare nella tua sala pagana, Signora dei Caduti

Lei piange lacrime di oro rosso
I racconti dicono che lei abbia il suo regno oltre i cieli
E se una battaglia è stata la tua morte
Può venire di notte, quando lei piange
Lacrime di oro rosso

Dolore e piacere
La mia realtà
Vita di svago
O una fantasia

Bellezza incandescente appesa al seno
Momenti in sua compagnia, elevato e sacro dolore
Ardente nobiltà, non troverò riposo
Finché non avrò raggiunto la tua sala, Signora dei Caduti

Lei piange lacrime di oro rosso
I racconti dicono che lei abbia il suo regno oltre i cieli
E se una battaglia è stata la tua morte
Può venire di notte, quando lei piange
Lacrime di oro rosso

VALKYRJA – VALCHIRIA

Una volta ho avuto una visione e una luce,
Qualcosa che vale la mia aspirazione e una battaglia
E ci fu un tempo in cui titto questo mi sembrava solo
Come una visione che aspirava al cielo che avevo sognato

Tutti i giorni degli anni passato sono di grigio sbiadito
Così tanto tempo si è trasformato in ricordi e lacrime
Ultimamente mi sono spesso seduto a pensare fino all’alba
Dei giorni a venire e di quelli non riscossi

Sembrava che il mio tempo era trascorso
Come le nuvole attraversio il cielo
Ero perduto come un corvo nella notte
La maggior parte dei sogni deperiscono, ahimè
Tutti i miei sono passati
Da quando ho posato i miei occhi sulla mia luce guida

Valchiria
Valchiria

Ora si è fatto tardi
E da tempo ho esaurito le parole da dire
Nel profondo ho avuto la volontà di trovare un modo
Altri sono fuggiti per combattere ancora un altro giorno

Ho sentito dire che in guerra e in amore tutto è lecito
Che una chiave dorata è in grado di aprire ogni porta
E ricorda, se pensi che la speranza sia morta,
L’ora più oscura arriva proprio appena prima dell’alba

Sembrava che il mio tempo era trascorso
Come le nuvole attraversio il cielo
Ero perduto come un corvo nella notte
La maggior parte dei sogni deperiscono, ahimè
Tutti i miei sono passati
Da quando ho posato i miei occhi sulla mia luce guida

Valchiria
Valchiria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: